Relazione finanziaria 2020/21

I costi annuali a carico degli azionisti ammontano a 66.1 mio CHF e sono quindi di circa 3.4 mio CHF o del 4.9 % inferiori a quelli dell’anno precedente.

Per quel che concerne i costi d'esercizio si è registrata la riduzione più marcata sulla posizione costi per acquisti d'energia e l’utilizzazione della rete, che è diminuita di 3.3 mio CHF: questo, da un lato, a seguito del minore impiego delle pompe della centrale di Robiei; dall'altro, per via dei costi per il prelievo di energia dalla Kraftwerk Aegina AG che sono diminuiti di ben 1.7 mio CHF. Pure più bassi rispetto all'anno precedente, di 0.3 mio CHF, sono risultati i costi d'ammortamento, mentre gli altri costi d'esercizio si sono assestati praticamente sullo stesso valore dell'anno precedente. Aumentati sono per contro i costi per materiale e prestazioni di terzi di 0.7 mio CHF e i costi del personale di 0.4 mio CHF. Il calo di 0.7 mio CHF degli altri ricavi d'energia si spiega sostanzialmente con la diminuzione dei premi per l'immissione in rete ottenuti sulla produzione della minicentrale di Borgnone da Pronovo AG, ciò che è da ricondurre al forte aumento, rispetto all'anno precedente, dei prezzi di mercato di riferimento per l’elettricità. Pure diminuiti sono gli altri ricavi d'esercizio di 0.4 mio CHF, mentre sono aumentati gli altri ricavi per forniture e prestazioni di 0.5 mio CHF e le prestazioni proprie attivate di 1.0 mio CHF.

Sulla base del programma pluriennale di rinnovo degli impianti d’esercizio, durante l’esercizio 2020/21 sono stati effettuati investimenti in sostanza fissa materiale per complessivi 6.6 mio CHF, di cui 1.7 mio CHF concernono prestazioni proprie attivate. Nell’anno precedente erano stati effettuati investimenti in sostanza fissa materiale per un totale di 2.7 mio CHF.

Al Cantone Ticino sono stati versati per l'esercizio in esame canoni d’acqua per un importo di 21.2 mio CHF. Ciò rappresenta 0.2 mio CHF in più rispetto all'esercizio 2019/20. La potenza lorda che fa stato per il calcolo dei canoni d'acqua è stata infatti aggiornata al 1° gennaio 2020 per il periodo 2020-2024, sulla base degli afflussi d'acqua effettivi degli ultimi anni. Il canone corrisponde invariato all’importo massimo previsto dalla legislazione federale di 110 CHF per chilowatt lordo.

Durante l'esercizio 2020/21 sono stati rimborsati debiti onerosi in scadenza per un importo di 40 mio CHF e si sono contratti nuovi prestiti a lungo termine per un importo di 30 mio CHF, a condizioni d'interesse sempre ancora molto favorevoli.

Dalla valutazione finale, nell'esercizio in esame, della società affiliata al 100 % Ofima Rete SA, che era stata conferita a Swissgrid SA nel 2013, è risultato un ricavo straordinario di 0.2 mio CHF. Inoltre, come già nell'anno precedente, è stata rimborsata ad Ofima un'ulteriore quota di 2.9 mio CHF dei prestiti convertibili concessi a Swissgrid SA nell'ambito dei trasferimenti degli impianti della rete di trasporto avvenuti nel 2013 e nel 2015.

I costi contabilizzati per le imposte sull’utile, sul capitale ed immobiliari ammontano come nell'anno precedente a 5.1 mio CHF. I costi per imposte si ripartiscono per 3.1 mio sulle imposte cantonali, per 1.5 mio sulle imposte comunali e per 0.4 mio CHF sull’imposta federale diretta.