Assemblea generale

Venerdì 26 marzo 2010, nella sede sociale a Locarno, si è svolta l’assemblea generale ordinaria delle Officine idroelettriche della Maggia (Ofima) sotto la direzione del Presidente Rolf W. Mathis, in presenza degli azionisti e di numerosi ospiti fra i quali anche l’onorevole Consigliera di Stato Laura Sadis. All’ordine del giorno l’approvazione dei conti annuali e la nomina dei membri del Consiglio d’amministrazione.

Nell’anno idrologico 2008/09 la produzione netta di Ofima è stata di 1743 GWh, ben 721 GWh in più rispetto all’esercizio precedente e quindi il secondo miglior risultato dalla messa in servizio degli impianti ca. 50 anni orsono. All’origine di questo risultato eccezionale le precipitazioni superiori del 37 % alle medie pluriennali.

Swissgrid rincara l’elettricità Ofima
In cambio dell’elettricità gli azionisti di Ofima – il Cantone Ticino, i gruppi Axpo e Alpiq come pure altre importanti società elettriche – hanno rifuso alla società i costi legati all’attività idroelettrica pari a 79.8 milioni di franchi. Rispetto all’anno precedente l’aumento dei costi è stato di 13 milioni di franchi, dovuto sostanzialmente alla nuova tassa riscossa da Swissgrid a copertura dei costi di regolazione della rete elettrica nazionale.

Con un utile d’esercizio di 4.2 milioni di franchi il dividendo per gli azionisti è rimasto invariato al 4 % del capitale azionario di 100 milioni di franchi, mentre al Cantone Ticino e ai comuni valmaggesi e del Locarnese sono stati versati tra canoni d’acqua e imposte 19.8 milioni di franchi.

Anche durante l’esercizio 2008/09 è stata dedicata particolare attenzione al rinnovo degli impianti, per il quale si è reso necessario un investimento di 19.5 milioni di franchi ai quali si aggiungono 5.1 milioni di franchi per la manutenzione ordinaria. In base alla pianificazione quinquennale altri 250 milioni di franchi dovranno essere spesi nei prossimi anni per opere di rinnovo, fra le quali di particolare importanza sono la modernizzazione delle centrali di Bavona e Robiei.

Fondata la società di rete
In ossequio alla nuova Legge federale sull’approvvigionamento elettrico Ofima ha fondato in data 20 febbraio 2009 la società Ofima Rete SA. Alla neo-costituita società è stata trasferita la proprietà delle linee ad alta tensione e delle sottostazioni finora di proprietà dell’Ofima. In una seconda fase, entro fine 2012, Ofima Rete SA dovrà essere ceduta alla società di rete nazionale Swissgrid, che per legge avrà il monopolio del trasporto dell’energia elettrica ad alta tensione in Svizzera.

Nomina del Consiglio d’amministrazione
Con l’assemblea di venerdì scorso termina il mandato quale membro del Consiglio d’amministrazione Ofima di Erto Paglia, che dopo 12 anni di presenza, di cui tre anni in qualità di vicepresidente della società, ha deciso di lasciare la carica. Gli subentra Corrado Rossini, che insieme a Massimo Ferrari, neo eletto vicepresidente, rappresenteranno l’azionista Cantone Ticino nell’Ofima. Alla presidenza della società è stato riconfermato Rolf W. Mathis, rappresentante della Axpo AG di Baden.

 

 

 

                 Dati e cifre 2008/2009 Officine idroelettriche della Maggia SA (Ofima)

 

 

Ofima

  Variazione
anno prec.
Azionisti      
Cantone Ticino 20.0 %    
Axpo AG 30.0 %    
Atel 12.5 %    
Cantone Basilea Città  12.5 %    
Città di Zurigo 10.0 %    
BKW 10.0 %    
Energie Wasser Bern 5.0 %    
       
Produzione netta GWh 1742.6 +70.5 %
Totale ricavi CHF 85.5 mio. +20.6 %
Costo netto di produzione per kWh cts.

4.58

  -30.0 %
       
       
Manutenzione CHF 15.8 mio. +3.9 %
       
Utile d'esercizio CHF 4.2 mio.  0.0 %
       
Investimenti CHF 19.5 mio. -35.5 %
       
Collaboratori 130.8   +1.0 %