Assemblea generale

Venerdì 25 marzo 2011, nella sede sociale a Locarno, si è svolta l’assemblea generale ordinaria delle Officine idroelettriche della Maggia (Ofima) sotto la direzione del Presidente Rolf W. Mathis, in presenza degli azionisti e di numerosi ospiti. All’ordine del giorno l’approvazione dei conti annuali e la nomina sostitutiva nel Consiglio d’amministrazione.

Come garantire un sicuro ed efficiente approvvigionamento del paese è il tema centrale e allo stesso tempo la grande sfida dei prossimi anni. Un fatto comunque resta assodato: anche in futuro le centrali idroelettriche assumeranno un ruolo fondamentale nel nostro mix energetico nazionale, ed è quindi nostro obiettivo primario assicurare il buon funzionamento delle centrali idroelettriche incrementandone, nel limite del possibile, l’efficienza e la disponibilità. In tal senso Ofible e Ofima stanno compiendo in questi anni grandi sforzi, in particolare con il rinnovo sistematico degli impianti elettromeccanici delle centrali e delle sottostazioni.

Produzione
Nell’anno idrologico 2009/10 la produzione netta di Ofima è stata di 1254 GWh, pari al 95 % della media pluriennale. All’origine di questo risultato sono state le precipitazioni leggermente sotto la media e il contenuto dei bacini di accumulazione Cavagnoli-Naret che era già stato parzialmente turbinato nell’esercizio precedente, in vista della messa fuori esercizio della centrale Bavona oggetto di importanti lavori di rinnovo.

Esercizio, manutenzione e rinnovo degli impianti
Ofima ha dato avvio ad un profondo rinnovo dei suoi impianti, che proseguirà ancora nei prossimi cinque–sei anni. Particolare attenzione è stata dedicata alla modernizzazione della centrale Bavona per la quale sono previsti oltre 47 milioni di franchi per sostituire quattro valvole sferiche, due gruppi Pelton orizzontali da 70 MW ciascuno e due trasformatori 12/220 kV. Finora, tutto si è svolto senza particolari in­convenienti e la prima nuova macchina ha potuto essere consegnata ai partner con assoluta puntualità il 1° ottobre 2010.

Nell’esercizio 2009/10 gli investimenti ammontano a 34.3 milioni di franchi, in aumento del 76 % rispetto all’anno precedente. Oltre al progetto della centrale Bavona, sono da segnalare la sostituzione della sottostazione 220 kV in caverna sempre a Bavona, il montaggio di una sgrigliatrice alla presa di Corgello, il rinnovo della teleferica fra Robiei e Cortino e infine la revisione totale del motore della pompa principale 2 di Peccia.

Come si può ben constatare, Ofima si trova in piena fase di rinnovo dei suoi impianti. Non ancora terminati i lavori a Bavona, già si profila la prossima grande sfida: la modernizzazione della nostra centrale più potente, la centrale di pompaggio-turbinaggio di Robiei.

Finanze
Per Ofima l’anno 2009/10 è da considerarsi sostanzialmente positivo. Accanto ad una produzione vicina alla media pluriennale, anche la chiusura contabile rivela una situazione nettamente migliorata rispetto all’anno precedente. Infatti chiudiamo i conti con costi annuali a carico degli azionisti di 67.9 milioni di franchi, che equivale ad una diminuzione di quasi 12 milioni di franchi rispetto all’esercizio precedente. Determinanti sono stati i costi per la regolazione della rete, diminuiti di ben 9.7 milioni di franchi a seguito di una decisione del tribunale amministrativo federale.

Nomina sostitutiva nel Cda
Lascia la società il signor Raoul Albrecht dopo sette anni di presenza nel Consiglio d’amministrazione Ofima per Axpo AG. Gli subentra Jörg Huwyler, responsabile delle centrali idroelettriche della Axpo AG.

 

 



                     Dati e cifre 2009/2010 Officine idroelettriche della Maggia SA (Ofima)

 

 

Ofima

  Variazione
anno prec.
Azionisti      
Cantone Ticino 20.0 %    
Axpo AG 30.0 %    
Alpiq AG 12.5 %    
Cantone Basilea Città  12.5 %    
Città di Zurigo 10.0 %    
BKW 10.0 %    
Energie Wasser Bern 5.0 %    
       
Produzione netta GWh 1253.9 -28.0 %
Totale ricavi CHF 80.7 mio. -5.6 %
Costo netto di produzione per kWh cts.

5.41

  +18.1 %
       
       
Manutenzione CHF 15.3 mio. -3.2 %
       
Utile d'esercizio CHF 4.2 mio.  0.0 %
       
Investimenti CHF 34.3 mio. +75.9 %
       
Collaboratori 131.5   +0.5 %